Recensione “Fuga dall’illusione”

Buon pomeriggio miei cari amici 🤍
Oggi sono qui per parlarvi di una lettura che ho fatto in merito ad un progetto organizzato da Errekappa edizioni , ovvero la CE che ha pubblicato il libro in questione: “Fuga dall’illusione” di Brian Rubenstein

Titolo: Fuga dall’illusione

Autore: Brian Rubenstein

Editore: Errekappa edizioni

Data di pubblicazione: 8 giugno 2020

Pagine: 320

Costo: €16,50

Genere: Suspense

TRAMA: Un coltello insanguinato.
Una banda di adolescenti tenuta in prigione.
Un uomo pericoloso a cui doveva un sacco di soldi.
Una proposta irrifiutabile.

Benvenuti nel mondo del quindicenne Evan Banksky, un mondo che sembra andare pericolosamente fuori controllo. Un mondo a cui sembra impossibile sfuggire. Fino a quando il ragazzo non riceve un aiuto inaspettato da un misterioso gruppo con una missione importante.

Intraprendendo un viaggio che lo porta in luoghi che non avrebbe mai immaginato, Evan apprende che deve guardare in profondità dentro di sé per trovare la risposta a una serie di dilemmi profondi.

Dai bassifondi di Londra alle dolci pianure del deserto africano, unisciti a Evan mentre affronta la sua famiglia e i suoi amici, il suo passato e il suo futuro, arrivando a decisioni cruciali che cambieranno la sua vita per sempre.

RECENSIONE

«E ricorda, è tutto un’illusione. Tutto. Sempre.»

Prima di tutto, di cosa parla questo romanzo?
Parla di un ragazzo di quindici anni, Evan Banksky.
Un ragazzo che vive in un mondo che sembra andare pericolosamente fuori controllo, un mondo a cui sembra difficile sfuggire.
In questo romanzo si parla di seconde possibilità, possibilità di rimediare.
Ovviamente Evan non esiste veramente, ma i temi trattati in queste pagine si.
Violenza, conflitti, rabbia, relazioni sofferte, dipendenze, le pressioni dei social, lo stress, i comportamenti distruttivi, i disturbi mentali, la scarsa autostima e la confusione..
Tutto questo è reale, esiste nel mondo in cui ognuno di noi vive.

In queste pagine si segue la vita di Evan e di tutto ciò che gli accade.
Ma soprattutto si segue il suo percorso verso la comprensione di se stesso e della sua mente.
Di ciò che è giusto e di ciò che non lo è.

Sono molte le cose che ho capito alla fine della lettura..
Di come tutto ruoti attorno ai nostri pensieri e a ciò che la nostra mente è in grado di fare.
Di come l’illusione sia appena al di là della soglia.

Illusione è la parola che serve a ricordarci qualcosa di molto importante.
Ricordarci che il fatto stesso che il mondo esterno abbia potere su di noi è, al cento per cento, un illusione.
È un errore innocente che facciamo tutti, ma non è altro che un’illusione.

Ognuno di noi vede e sente la vita attraverso i propri occhi.
Ognuno di noi sperimenta la vita attraverso i propri pensieri.
Ognuno di noi vive in una realtà separata.

Non si dovrebbe mai aspettarsi che le persone vedano il mondo come lo vediamo noi: ognuno vedrà il mondo così come lo pensa.

Questo mi ha insegnato. E ne sono estremamente felice.

Al prossimo articolo, un bacio 🤍

Recensione “Piranesi” 🌊

Buongiorno miei cari lettori 💌

Oggi sono qui per parlarvi di un libro che mi ha veramente travolto.

Titolo: Piranesi

Autore: Susanna Clarke

Editore: Fazi Editore

Data di pubblicazione: 4 febbraio 2021

Pagine: 300

Costo: €16,50

Genere: Fantasy

TRAMA: Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori. Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo. Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi. Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia. Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti. Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. E disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancora troppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso.

RECENSIONE

«La bellezza della Casa è incommensurabile; la sua gentilezza infinita.» ✨

Immaginatevi una casa, anzi no, immaginatevi la Casa.
La Casa è il Mondo di Piranesi.
Un mondo fatto di maree e di statue.
Una casa con corridoi infiniti, stanze immense e scalinate senza fine.
Una casa con pavimenti di pietra e pareti di marmo.
Con il costante fragore del mare che vi riempie le orecchie.

Immaginatevi questa Casa su tre livelli:
Più in basso c’è il Regno delle Maree, fonte di nutrimento attraverso pesci, crostacei e flora marina; nel mezzo c’è Regno degli uccelli e degli uomini; mentre all’apice si colloca il Regno delle Nuvole, che si diffonde sotto forma di Pioggia e scorre in Ruscelli lungo Pareti e Scalinate.

L’ordine della Casa è ciò che dà la Vita.
La Casa è silenzio e solitudine.

Piranesi non ricorda altro se non il suo nome, o almeno pensa che sia questo.
Si accontenta di essere chiamato così.
È meraviglioso come attraverso i diari di Piranesi veniamo a conoscenza di questo Mondo e di com’è fatto.
Ed è ancora più meraviglioso vedere con i nostri occhi come il protagonista scopra la verità su sé stesso e di come sia diventato l’Amato Figlio della Casa.


Questa storia è poesia, è magia pura.
Ed è straordinario come una storia del genere sia perfetta in questo periodo.
Il periodo che stiamo vivendo, di solitudine.
Di come la Casa sia, in fin dei conti, la nostra.

Tutto questo esce oggi, 4 febbraio, per Fazi Editore
Correte in libreria perché, anche se non ve ne rendete conto, avete bisogno di Piranesi.

Al prossimo articolo, un bacio 🤍

Recensione “La ragazza del sole” â˜€ï¸

Buongiorno miei cari lettori 💌
Oggi torno finalmente a parlarvi del sesto capitolo della saga delle sette sorelle: La ragazza del sole!!

Titolo: La ragazza del sole

Autore: Lucinda Riley

Editore: Giunti

Data di pubblicazione:

Pagine:

Costo:

Genere:

TRAMA:

RECENSIONE

«La vita può essere capita solo all’indietro, ma va vissuta in avanti.» ☀️

È sempre triste dover abbandonare una storia, o anche solo avere il pensiero che stia per finire.

Anche se in questo caso non è ancora finita, manca ancora un tassello fondamentale per comprendere a pieno la storia delle sette sorelle.
Un tassello che non vedo l’ora di avere tra le mani!

Non voglio dilungarmi troppo, e non voglio neanche fare commenti tecnici o altro..

Vorrei semplicemente dirvi che questo sesto volume, nonostante sia stato il più impegnativo e sostanzioso, mi ha appassionato tantissimo.

Non pensavo che Electra potesse piacermi conti tanto!
Che potesse arrivarmi al cuore in questo modo.
Nonostante sia tanto lontana da me, penso sia la sorella che ho preferito.
Sia in termini di mentalità, sia per quanto riguarda la sua crescita personale.

In queste 900 pagine si parla di tante tematiche forti e importanti.
Droga, alcol, disturbi mentali, razzismo..
Proprio la nostra protagonista è di colore, ma non ha mai visto il colore della sua pelle come un tratto negativo.
Solo dopo determinate situazioni si è resa conto di quanto questa discriminazione sia così forte intorno a lei.

Ma ciò che ho più amato è stato proprio il cambiamento di Electra nel corso della storia.
Ha fatto una crescita incredibile e mi si è scaldato il cuore quando si è concluso il romanzo.

E per concludere, anche la parte dedicata al passato è stata davvero emozionante.
In un periodo storico difficile, quello della seconda guerra mondiale, e in un paese come il Kenya con usi e costumi completamente diversi da quelli di New York.

È stato un bellissimo viaggio e (anche se a malincuore) non vedo l’ora di scoprire l’epilogo di questa saga che mi ha rubato il cuore❤️

Al prossimo articolo, un bacio 🤍

Blog Tour “Fuga dall’illusione”: intervista all’autore 📝

Buongiorno miei cari lettori 💌

Oggi 2 febbraio è il mio turno nel blog tour organizzato dalla CE Errekappa edizioni per il romanzo “Fuga dall’illusione”

In cosa consiste questa seconda tappa? Di seguito vi lascerò una breve intervista all’autore, Brian Rubenstein!

Direi di non perderci in chiacchiere, buona lettura!

Brian Rubenstein

Ciao Brian, parlaci di te.

Sono Brian Rubenstein, laureato presso la Cass Business School e ho conseguito un Master in Psicoterapia, a lungo ho vissuto in Sud Africa e di ritorno in Inghilterra insieme a mia moglie Terry Rubenstein e ai nostri figli, ora sono sei (uno per ogni maratona di Londra che ho completato!), ho trascorso oltre dieci anni in ruoli senior nel settore non profit e ho anche lavorato per alcuni anni come consulente presso un istituto finanziario FTSE 100 nella City di Londra. Questo background mi ha preparato bene per il compito attuale, ho  avviato insieme a mia moglie un ente di beneficenza dedicato al raggiungimento di un cambiamento trasformativo nel campo della salute mentale e della resilienza, chiamato I-heart. Terry si occupa della formazione io della parte finanziaria.

Come è nata la tua voglia di scrivere?

La mia grande passione per la scrittura esiste da sempre ed è riuscita a trasformarsi in opere concrete: sono coautore di cinque libri pubblicati insieme a Terry, tra cui Fuga dall’Illusione, un romanzo per adolescenti sulla scoperta del vero superpotere che esiste dentro noi tutti, anche nelle circostanze più difficili.

Quali sono le tue fonti di ispirazione? Parti da esperienze reali o dalla tua immaginazione? In altre parole, quali sono per te le influenze fra scrittura e vita?

Le mie fonti di ispirazione sono le storie di vita delle persone che aiutiamo quotidianamente con la nostra no-profit, le vite stesse dei nostri figli, mia e di mia moglie e gli insegnamenti sui Tre Principi che abbiamo imparato a partire da Sydney Banks a tutti gli altri insegnanti. Ho voluto ricordarli scherzosamente nel libro Fuga dall’Illusione utilizzando i loro nomi per nominare i personaggi del romanzo.

Quando e com’è nata l’idea di scrivere “Fuga dall’illusione”?


La nostra no profit lavora con i ragazzi e per loro i saggi sono noiosi, hanno bisogno di leggere storie vere, di ragazzi come loro; di divertirsi e di immedesimarsi. Compreso questo, il passo per arrivare a scrivere un romanzo il cui protagonista è un ragazzo in una situazione complicata è stato breve.
Le figure che nel corso della storia vanno in soccorso di Evan sono una metafora della grande varietà di fonti di insegnamento che effettivamente abbiamo a disposizione durante la nostra vita, possiamo comprendere meglio come funziona la nostra esperienza grazie alla saggezza che è in ogni essere umano, quindi l’aiuto può veramente arrivarci da chiunque, quando siamo disposti ad ascoltare.

Cosa speri di trasmettere ai lettori del tuo libro?


Spero che i lettori possano comprendere che al di là del loro pensiero, c’è molto altro. Spero che possano darsi una possibilità e che possano iniziare ad ascoltare maggiormente la loro saggezza, ad avere fiducia nella loro capacità di resilienza. Spero che possano prendere meno sul serio i loro pensieri agitati e scoprire che le emozioni non sono verità assolute, ma sono solo un termometro che ci aiutano a capire quanto è affidabile il nostro pensiero di momento in momento.

So che hai molto a cuore l’associazione Iheart che hai fondato con tua moglie. Avresti voglia di parlarcene un po’?

I heart è un’associazione no profit che si occupa di portare programmi pensati e studiati per genitori e per ragazzi in tutti i luoghi in cui possa essere di aiuto, scuole, circoli sportivi, comunità. Formiamo dei facilitatori e insieme alle istituzioni progettiamo dei percorsi per aiutare i ragazzi a scoprire la loro resilienza e a comprendere che hanno tutto ciò di cui hanno bisogno dentro di loro.

Eccoci alla fine!

Grazie per essere stati con me fino alla fine.

Vi ricordo che il 12 febbraio ci sarà la recensione, quindi restate connessi!

Al prossimo articolo, un bacio 🤍

Recensione “D’amore e ombra” âœ¨

Buongiorno miei cari lettori 💌
Oggi sono qui per parlarvi di “D’amore e ombra” di Isabel Allende!

Titolo: D’amore e ombra

Autore: Isabel Allende

Editore: Feltrinelli

Data di pubblicazione: 9 giugno 2008

Pagine: 244

Costo: €8,00

Genere: Narrativa moderna e contemporanea

TRAMA: Come già accadeva in «La casa degli spiriti», questo romanzo di Isabel Allende usa come sfondo l’inquieto scenario della società cilena, ma la storia che ci narra acquista subito un tono originale e diverso da quello che caratterizzava il romanzo precedente: si tratta non più di una saga familiare dalle risonanze epiche, bensì del sorgere tra due giovani, impegnati entrambi in una indagine giornalistica, di una affettuosa amicizia che lentamente si trasforma in un amore destinato a consolidarsi in circostanze ostili. Tutto ruota, fin dagli inizi, intorno a una ragazza, Evengelina, in preda a periodici stati di trance che raccolgono intorno a lei una piccola folla di devoti e di curiosi. Irene e Francisco, intenti a indagare sul misterioso fenomeno, sono testimoni involontari dell’intervento di un gruppo di militari che pretendono di ricondurre alla ragione “la famosa ragazzina”. Evangelina reagisce alla brutale intrusione ridicolizzando l’ufficiale che comanda i militari, e da questo episodio, apparentemente banale, prende l’avvio un’inquietante vicenda perché Evangelina, di lì a poco sequestrata dalle forze di polizia, viene data per “scomparsa”. I due giovani si mettono alla sua ricerca e sono presto costretti a percorrere una triste trafila che li porta dai commissariati alle carceri, dalla morgue ai campi di concentramento, mentre l’ombra di una spietata dittatura si proietta sempre più minacciosamente sulle loro indagini, volte a scoprire realtà che il regime militare intende celare. Sebbene quelle realtà non rivelino nulla che Francisco già non sappia, per Irene la scoperta ha una diversa portata, perché ella è costretta a uscire dal mondo protettivo che l’aveva circondata e a posare lo sguardo sull’orrore.

RECENSIONE

«Giustizia era solo una parola dimenticata del linguaggio che ormai quasi non veniva più usata, perché possedeva un marchio sovversivo, come la parola libertà.»

Non credo possa esserci frasi più giusta per descrivere questo libro.
Io non so veramente da dove partire per parlarvene.
Perché in queste 244 pagine c’è di tutto.
C’è tanta violenza, tanto dolore, tanta morte.
Ma c’è anche tanto amore.

Sullo sfondo c’è una situazione drammatica, quella della società cilena..
E in primo piano c’è il percorso di un amore tra due persone, che nasce e a piccoli passi cresce fino ad esplodere.

Immaginatevi una linea centrale che divide due porzioni di spazio
Da una parte c’è l’amore e la gioia di vivere, mentre dall’altra ci sono fucilazioni, violenze, sequestri, povertà..
Provate a pensare a quante emozioni possano uscire durante la lettura di tutto questo.

Durante quelle scene di brutalità è come se le parole mi avessero stritolato la gola fino a non farmi respirare.
Come se io fossi lì davanti, a guardare senza poter fare nulla.
Le scene mi passavano davanti agli occhi e non potevo fare altro che continuare e sperare che tutto finisse.

Però, poi, mi si scaldava il cuore a leggere di passione e di amore.
Un amore così forte che è riuscito a sopravvivere a tutto.

Nonostante tutte queste emozioni ho deciso di dargli 3,5⭐ perché vorrei leggere altro di questa autrice prima di sbilanciarmi.
E comunque, in ogni caso, i temi e le scene trattate in queste pagine vanno prese con le pinze e io sono veramente inorridita davanti ad esse.

Detto questo è stato bellissimo leggerlo insieme alle altre ragazze e le ringrazio per aver dato vita a questo progetto meraviglioso.❤️

A prossimo articolo, un bacio 🤍

Recensione “Assedio e tempesta” ðŸ’š

Buon pomeriggio miei cari amici!
Oggi sono qui per parlarvi del secondo volume della trilogia Grisha di Leigh Bardugo, ovvero Assedio e tempesta!

Del primo volume trovate già la recensione!

Titolo: Assedio e tempesta

Autore: Leigh Bardugo

Editore: Mondadori

Data di pubblicazione: 19 gennaio 2021

Pagine: 300

Costo: €18,90

Genere: Fantasy

TRAMA: Ricercata per tutto il Mare Vero, perseguitata dal senso di colpa per le vite spezzate a causa sua nella Faglia d’Ombra, Alina, la potente Evocaluce, sta cercando di ricostruirsi una vita con Mal in una terra dove nessuno è a conoscenza della sua vera identità. Tuttavia, questo dovrebbe averlo imparato, non si può sfuggire al proprio passato. Né, soprattutto, ci si può sottrarre per sempre al proprio destino. L’Oscuro infatti, che non solo è sopravvissuto alla Faglia d’Ombra ma ha acquisito anche un terrificante nuovo potere, è più determinato che mai a reclamare per sé il controllo della Grisha ribelle e a usarla per impossessarsi del trono di Ravka. Non sapendo a chi altri rivolgersi, Alina accetta l’aiuto di un alleato imprevedibile. Insieme a lui e a Mal combatterà per difendere il suo paese che, in balia della Faglia d’Ombra, di un re debole e di tiranni rapaci, sta andando rapidamente in pezzi. Per riuscirci, però, l’Evocaluce dovrà scegliere tra l’esercizio del potere e l’amore che pensava sarebbe stato sempre il suo porto sicuro. Solo lei infatti può affrontare l’imminente tempesta che sta per abbattersi su Ravka e nessuna vittoria può essere guadagnata senza sacrificio. Finché l’Oscuro vivrà – questo Alina lo sa bene – non esisterà libertà per il suo paese. Né per lei. Forse, dopo tanti tentennamenti, è infine giunto il momento di smettere di scappare e di avere paura. Costi quel che costi.

RECENSIONE

«La debolezza è una maschera. Indossala quando ti serve che ti vedano umana, ma mai quando ti senti tale.» 🦊

Da dove comincio?
Allora, la trama di base mi è piaciuta molto di più di quella del primo!
Più dinamica, più azione e colpi di scena, più emozioni.
Ma soprattutto si fa la conoscenza di un personaggio, che si è rivelato uno dei miei preferiti: Nikolai😍🦊

Non voglio spoilerarmi niente su di lui perché voglio lasciarvi il piacere di conoscerlo😏
Sappiate solo che me ne sono innamorata.

Tornando a noi.. ho trovato, in questo secondo volume, una grande crescita in Alina.
Il suo pensiero, le sue emozioni e tutto ciò che fa.
L’ho trovata più matura e consapevole, consapevole del suo potere e di ciò che è in grado di fare.
Anche se ci sono molte cose che non sa e che non riesce a controllare, e questo la porta (a volte) a fare scelte sbagliate.
Ho empatizzato molto con lei nei momenti di sconforto e di dolore, l’ho sentita molto vicina e ne sono felice 🤍

Mal non mi ha fatto impazzire, devo essere sincera, mi è sceso un pochino..
Si è comportato maluccio, peggio di ciò che mi aspettavo..
Per quanto riguarda l’Oscuro, invece, ho un’opinione abbastanza positiva!
Credo sia uno dei cattivi più ben riusciti.
Anche se non ho ancora capito se lo amo o lo odio🤣

Per concludere vorrei davvero invitarvi a dare una chance a questa trilogia, perché nonostante i difetti e tutto quello che volete è valida e vi appassionerà.
Vi affezionerete, io lo so che sarà così 🥺

Al prossimo articolo, un bacio 🤍

Recensione “Predatori” 🗡️

Buongiorno miei cari lettori 💌

Oggi sono qui per parlarvi di una collaborazione!

Il libro in questione è “Predatori” di Jessica Sanguettoli

Titolo: Predatori

Autore: Jessica Sanguettoli

Editore: Independently published

Data di pubblicazione: 11 dicembre 2020

Pagine: 250

Costo: €10,40

Genere: Fantasy

TRAMA: Darshan è una città divisa. Una ribellione sull’orlo della guerra civile la sta dilaniando. Questo, però, Sharel non lo sa. Dalla sua stanza può solo intravedere le sagome della capitale e sentirne la voce. La sua vita è tutta dentro a quel luogo, ma non lo sarà per molto. Quella ribellione, così simile a ciò che sta avvenendo dentro di lei da dieci anni, sta per irrompere in quella camera.Sharel è una ragazza divisa, proprio come la sua città. La sua mente, che è stata manipolata in tenera età, cerca in tutti i modi di farla sopravvivere. Sopravvivere e non vivere. Sharel non sa come si sta al mondo, ma il mondo ormai la sta raggiungendo e il modo in cui lo farà avrà il potere di cambiare la sua vita per sempre.

RECENSIONE

«Una volta, suo padre aveva detto che la consapevolezza era libertà. Forse era davvero così, anche se in quel momento fu il dolore, il primo sintomo di quella consapevolezza.
Il secondo fu un calore in tutto il corpo.
Il dolore fu schiacciato dalla rabbia.
Non c’era ancora posto, per la libertà.»



Io non so da dove iniziare.
Non mi sono mai trovata in difficoltà come ora per parlarvi di un libro.
E credetemi, non è assolutamente una cosa negativa.. anzi!
Jessica è riuscita a lasciarmi senza parole e con le lacrime agli occhi.

Partiamo dal principio..
Questo romanzo parla di una ragazza, Sharel, che è stata spezzata.
Proprio come la sua città, Darshan.
Parla di una lotta interiore, tra Sharel e se stessa, tra Sharel e la sua mente, tra Sharel e il mondo là fuori.
Ma quello che Sharel non sa è che presto tutto cambierà, che lei stessa cambierà.

“Predatori” è un libro che parla all’anima, al cuore e alla mente.
È un libro tutto d’un fiato, che vi stravolgerà.
“Predatori” è originale, è imprevedibile, è ricco di significato.

Questa storia mi ha trasmesso tanto dolore, tanta sofferenza e l’impotenza davanti ad ogni cosa.
Mi ha trasmesso anche tanta forza, forza di combattere contro se stessi e contro il mondo.
Forza di vivere e non di sopravvivere.

La mente è un meccanismo così strano e incomprensibile..
Quanto può fare la mente.. mamma mia.
Quanto può confonderti e distorcere la realtà a proprio piacimento..

Io so che un romanzo esordiente non può essere perfetto, ma questo è un gradino più su di tutti quelli che ho letto finora.
Mi ha fatto scattare qualcosa nella testa che non so spiegarvi a parole.

Al prossimo articolo, un bacio 🤍

Fairy Oak – La trilogia âœ¨ðŸ­

Buongiorno miei cari amici e buona Epifania!

Oggi sono qui finalmente per parlarvi di questa trilogia!

Titolo: Fairy Oak. La trilogia

Autore: Elisabetta Gnone

Editore: Salani

Data di pubblicazione: 15 novembre 2018

Pagine: 994

Costo: €22,00

Genere: Fantasy per bambini e ragazzi

TRAMA: Fairy Oak è un villaggio di pietra, antico e incantato, sperduto tra le pieghe di un tempo immortale e cresciuto intorno a una quercia fatata, da cui ha preso il nome. Lo circonda una natura viva e rigogliosa ed è l’unico luogo dove umani e creature magiche vivono in perfetta armonia, tanto che è difficile distinguere gli uni dagli altri, poiché maghi, streghe e cittadini comuni abitano le case di pietra da tanto di quel tempo, che nessuno fa più caso alle reciproche stranezze, e tutti si somigliano un po’. Solo le fate sono diverse: piccole e luminose, vengono chiamate dai Magici per badare ai bambini, ed è proprio una di loro a raccontarci questa storia. Felì è la fatina a cui è affidato il difficile compito di proteggere le streghe gemelle Vaniglia e Pervinca, nate con opposti poteri e insieme simbolo vivente di un’eterna alleanza, quella fra Luce e Buio, che un terribile nemico è deciso a spezzare. A fare da scudo e da arco ci sono i loro amici, e un piccolo popolo, ardito e coraggioso, deciso a salvare il proprio magnifico mondo…

RECENSIONE

«Erano due persone identiche, con opposti poteri: Luce e Buio, come due volti della stessa medaglia, unite e separate per sempre.»✨

Da dove iniziare?
Beh questa saga è dolcezza pura.
E no, non mi vergogno di averla letta a 20 anni, perché questo tipo di storie non hanno età.
Anzi vi dirò, forse ora la comprendo meglio rispetto a quando ero più piccina.
Ci sono un sacco di tematiche davvero importanti, che magari non vengono svelate in modo esplicito..
I pregiudizi, il bullismo e tutto ciò che riguarda la diversità..
Ma si parla anche di amore, di amicizia e di famiglia.
Princìpi molto importanti, che devono essere letti e compresi.

Babù e Vì sono due bambine dolcissime.
Sono due sorelle che farebbero l’impossibile l’una per l’altra.
Si fidano reciprocamente e si amano incondizionatamente.
Non saprei effettivamente dirvi quale delle due mi ha più colpita, perché entrambe hanno delle caratteristiche speciali.
Si compensano, capite?
Sono una cosa sola e quindi io scelgo Vaniglia e Pervinca insieme ❤️

Io non posso fare altro che dirvi che continuerò a leggere di loro e vi consiglio davvero di leggere questa storia se ancora non lo avete fatto.
Vi fate un regalo, perché vi regalerete tanto amore e tantissima dolcezza 🍭

Io intanto vi saluto e ci vediamo al prossimo articolo!

Un bacio🤍

Recensione “Piccole donne crescono” ðŸ¤

Buon pomeriggio miei cari lettori 💌

Oggi sono qui per parlarvi del secondo capitolo della storia di Jo, Meg, Amy e Beth: Piccole donne crescono!

Titolo: piccole donne crescono

Autore: Louisa May Alcott

Editore: RBA

Data di pubblicazione: 6 giugno 2020

Pagine: 332

Costo: €9,99

Genere: classico

TRAMA: Quella mattina, sul portico, le rose di giugno sbocciarono di buon’ora e più belle del solito, liete anch’esse del cielo sereno senza una nuvola. Sembravano piccoli vicini di casa con quelle loro facce risplendenti: dondolate e piegate dal vento, parevano commentare tra di loro gli avvenimenti cui stavano assistendo. “Piccole donne crescono” è il secondo dei romanzi che, sullo sfondo di un’America ottocentesca, racconta la storia delle sorelle March. La vita esterna alla famiglia irrompe prepotentemente nelle loro esistenze, segnandole profondamente, colmandole ora di gioia ora di dolore. Fra le quattro sorelle comunque emerge sempre Jo, la sensibile protagonista di questo libro.

RECENSIONE

“Con te non mi arrabbio mai. Ci vogliono due scintille per fare fuoco; e tu sei gelida e soffice come la neve.”
“Tu non sai quello di cui sono capace. Anche la neve, se usata a dovere, produce vampe e brividi.” ❄️



Non ho scelto una frase a caso questa volta.
La mia scelta è stata davvero mirata.
Se anche voi avete letto questo secondo romanzo saprete da chi escono queste parole e quindi poi capirete il mio discorso.
Ma partiamo dal principio okay?

Sono giunta a metà di questa meravigliosa storia.
Questo secondo volume è stato veramente tosto.
Mi ha spezzato il cuore diverse volte, però mi ha anche fatto sorridere.
È così meraviglioso pensare che un ammasso di parole di senso compiuto sia in grado di insegnarmi il senso della vita.
È incredibile come quattro piccole donne siano state in grado di rubarmi il cuore.

Si parla di famiglia.
Si parla di amore.
Non sono poi la medesima cosa?
La famiglia non è poi una sfaccettatura dell’amore?

Non è forse questo che ci viene insegnato tra queste righe?
Di come amore e famiglia ci possano donare tutto ciò di cui abbiamo più bisogno?

Tornando al discorso fatto all’inizio, ho capito una cosa ancora più importante.
Perché io ho sempre sottovalutato la piccola Amy.
O meglio, non l’ho mai compresa.
Fino ad oggi.
Ha fatto degli errori, come tutte.
È cresciuta ed è diventata una donna meravigliosa.
E io non potrei che sentirmi così vicina a lei!
Ha fatto delle scelte e queste scelte l’hanno portata fin dove è arrivata.
E io la ammiro moltissimo per questo.

Dall’altro lato però mi sento di dirvi che Jo è l’esempio di donna che ognuna di noi dovrebbe in qualche modo seguire.
Ed è per questo che mi sono sempre sentita affine alla sua anima.
Perché lei è alla costante ricerca di se stessa e della propria indipendenza.

Jo, Meg, Beth ed Amy.
Tutte e quattro loro hanno una crescita personale incredibile.
Da piccole donne si sono trasformate in vere e proprie donne.
E io le ringrazio dal profondo del mio cuore ❤️

Al prossimo articolo,

Un bacio 🤍

Recensione “Anime perse” ðŸ”¥

Buongiorno miei cari lettori 💌

Oggi sono qui per parlarvi della mia ultima lettura, ovvero “Anime perse” di @claudiajeraci ❤️
Che ringrazio di cuore per avermi dato l’opportunità di leggere il suo romanzo e di farmici innamorare!

Titolo: Anime Perse

Autore: Claudia Jeraci

Editore: Giovane Holden Edizioni

Data di pubblicazione: 31 ottobre 2020

Pagine: 480

Costo: €15,00

Genere: Horror Fiction, Narrativa Fantasy

TRAMA: Emily è una giovane studentessa la cui vita scorre tranquilla finché non inizia a sognare una donna misteriosa, che invade i suoi ricordi e i suoi pensieri ogni notte.
Disorientata, cerca dapprima di placare le sue inquietudini isolandosi dagli amici, fino a trascorrere un’intera estate in solitudine. Poi, con la ripresa della scuola, la routine giornaliera la illude che tutto possa sistemarsi, che gli incubi finiranno e che lei potrà tornare a essere la ragazza spensierata che era. Fino a quando, un pomeriggio d’autunno, inoltratasi nel parco per leggere alcune pagine di un libro appena iniziato prima di rientrare a casa, viene aggredita da uno sconosciuto che mormora una strana litania. Nel tentativo di difendersi, Emily risveglia un arcano potere dormiente che le consente di impossessarsi della forza vitale dell’anima di qualsiasi essere, vivente oppure no. Senza averne contezza, è appena diventata una Raccoglitrice. E un altro Raccoglitore è nel parco quello stesso pomeriggio, erede di una delle più antiche e prestigiose casate di Irlanda: i Blawick.
Insieme dovranno fronteggiare e contrastare l’Ordine dei Cacciatori e l’Ordine della Rosa che temporaneamente alleati mirano a impossessarsi della Raccoglitrice e del suo potere.
Costretta a dover scegliere cosa è giusto e cosa è sbagliato, se vivere e assecondare un potere misterioso. È un’anima sola, incerta sulla strada da seguire, perché non si ha modo di ripararsi da una battaglia quando l’unico scudo, in realtà, è l’arma che sta per trafiggerti il cuore.

RECENSIONE

«Questo era l’oceano: bellezza e tormento. Io ero parte di quell’essere, io ero parte di quella forza che non potevo controllare ed ero passeggero di una nave dalla quale non sarei mai potuta scendere. Lo desideravo con tutta me stessa, bramavo un porto sicuro a cui attraccare, ma la corrente aveva altri piani per me. Il potere era la forza che mi avrebbe tenuta in vita e allo stesso tempo la croce da portare, lo scoglio su cui, prima o poi, sarei andata a sbattere.»🌊

Mi è piaciuto tantissimo.
Nella sua complessità mi ha rapita e trasportata direttamente in Irlanda.
Mi ha coinvolta fin dentro le ossa.
Il finale mi ha lasciato a bocca asciutta.
Ho bisogno di sapere di più, ho bisogno di sapere cosa ne sarà di Emily.
A proposito di lei..
Ho sentito Emi, la sua anima e il suo potere.
Ho empatizzato con lei e mi è rimasta nel cuore.
Come sono rimasti Nat, Sam, Carlo, John e anche Cris❣️

Se fate swipe potete leggere la trama, che a me ha colpito fin da subito!
Infatti non ci ho pensato due volte per dire a Claudia che mi avrebbe fatto un enorme piacere leggere questa storia!

E difatti ci ho visto bene, perché questo romanzo merita.
Merita di essere letto e apprezzato.
Credo che Claudia abbia un talento, quello di parlare all’anima di chi legge.
Attraverso Emi e i suoi sentimenti è riuscita a scavarmi dentro.
Quindi grazie, grazie di cuore.

Al prossimo articolo!

Un bacio🤍